menu_start_win_7

Windows 7, fine del supporto a Gennaio 2020

Ormai manca davvero poco al ritiro ufficiale di Windows 7. Infatti il sistema operativo di casa Microsoft non sarà più supportato a partire dal 14 Gennaio 2020. Cosa succederà dopo tale data e come non farsi trovare impreparati se si utilizza ancora Windows 7 mentre la fine del supporto si avvicina?

È noto ormai che nel mondo del software esistono dei cosiddetti “cicli vitali“. Nel nostro caso stiamo parlando di un software di Microsoft che, in questa pagina, chiarisce come gestisce i cicli di vita dei suoi prodotti e ci indica le date di fine supporto per ognuno di essi. Inoltre, ci mette a disposizione una pagina dedicata in cui possiamo raccogliere informazioni utili circa le politiche di aggiornamento di qualsiasi loro prodotto.

Andiamo nel dettaglio

La data di fine del supporto di un sistema operativo, o di qualunque altro software, porta con sé implicazioni parecchio scomode.
Nel caso di Windows 7, l’introduzione di nuove funzionalità è cosa ormai superata da tempo, Microsoft ha però continuato a distribuire gli aggiornamenti di sicurezza. Quasi scontato dire che utilizzare un sistema operativo non sicuro è poco consigliato, specialmente in ambienti aziendali.

Windows 7 e la fine del supporto

Comincerei col dire che Windows 7 è un prodotto ormai obsoleto. Il supporto principale di questa versione è scaduta a metà Gennaio 2015 e Microsoft lo ha esteso nuovamente fino al 14 Gennaio 2020, rilasciando però solamente aggiornamenti sulla sicurezza e non sulle funzionalità, come abbiamo accennato nel paragrafo precedente.
Una volta terminato il supporto non verranno più rilasciati nemmeno gli aggiornamenti di Sicurezza, portando così ad una obsolescenza ed insicurezza tale da obbligarci quasi a migrare finalmente a Windows 10.
Ci sono casi estremi in cui alcune realtà aziendali, con l’acquisto di un costoso “abbonamento” particolare, possono farsi rilasciare altri aggiornamenti anche oltre la data del 14 Gennaio 2020.

Come prepararsi all’evento

Se hai ancora Windows 7, il mio consiglio è quello di aggiornare a Windows 10, possibilmente all’ultima versione disponibile.
Per farlo possiamo utilizzare gli strumenti che Microsoft ci mette a disposizione in questa pagina. I tool di cui parlo sono l’Assistente aggiornamento Windows 10 e l’utility Media Creation Tool, semplicissimi da utilizzare e ci renderanno l’esperienza di migrazione molto leggera. Consiglio comunque di salvare sempre tutti i vostri dati personali prima di procedere alla migrazione da Windows 7 a Windows 10.

Se vuoi supportare anche tu il sito Tech Easy, puoi fare una donazione con PayPal tramite l’apposito bottone qui sotto o cliccando direttamente QUI.

Vuoi fare una donazione a Tech Easy?
Vuoi fare una donazione a Tech Easy?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.